Biffi

Siamo da Biffi: respiriamo il buon profumo ma anche tanta storia.

Eccoci indietro nel tempo: 1852 e Paolo Biffi, confetturiere del Re, apre il suo caffè ed offelleria* in una città ben diversa da come la conosciamo noi oggi. Fin da subito le sue prelibatezze attirano le famiglie importanti di Milano ed il suo panettone non mancava nei salotti raffinati.

Il 15 settembre 1867 Biffi si sposta per la prima ed unica volta: la sua bottega da allora è infatti in Galleria Vittorio Emanuele II. Immaginate lo stupore della gente quando vide questa bottega, prima del suo genere, ad essere illuminata dalla corrente elettrica. Biffi era anche uno dei pochi a poteri permette un affitto di 30 mila lire all’anno.  Era il 1882.

Paolo Biffi ebbe 10 figlie, tutte al lavoro con lui, che hanno portato avanti l’attività dopo la sua scomparsa.

Legato a doppio filo alla Galleria, ha vissuto nello stesso modo i momenti d’oro così come quelli tragici della seconda guerra mondiale.

Oggi rispetto al passato, lo spazio occupato è minore, ma l’eleganza ed il gusto della tradizioni sono ancora ben presente. E sempre presenti anche tutte le celebrità del mondo dello spettacolo, dell’arte e dello sport, nazionali ed internazionali. Proprio come ieri, continua ad essere un punto della città affascinante e meta di turisti ansiosi di vivere in pria persona un momento di storia milanese.

* non vi starete mica domandando cosa vuol dire, vero? Che milanese siete?? 🙂


Vuoi conoscere tutte le botteghe storiche di Milano? Clicca qui

Seguici su Facebook.

Condividi